Come arrivare in Sardegna in Traghetto

traghetto per la sardegna

La Sardegna è una delle regioni italiane preferite per le vacanze, specialmente quelle estive. Milioni di turisti nostrani o di altri paesi affollano ogni anno le sue coste e le sue spiagge dai mille colori. Che si parli della Costa Smeralda o della Maddalena, ogni viaggiatore può trovare il suo posto preferito in territorio sardo. 

Uno dei modi migliori per raggiungere questa splendida isola, è utilizzare i traghetti per la Sardegna. Questo è proprio l’argomento della nostra guida. Se vuoi scoprire come arrivare in Sardegna in traghetto e goderti non solo il mare ma siti archeologici, oasi naturali, storia e tanto divertimento, continua a leggere. 

Informazioni generali

In terra sarda, ci sono parecchi porti ai quali attraccano navi e traghetti. Il Porto d’Olbia, Porto di Torres, Cagliari e Arbatax per fare solo qualche nome.  La partenza può avvenire invece da questi porti italiani: Savona, Genova, Livorno, Piombino, Civitavecchia, Napoli e Palermo.

Il viaggio in traghetto è un’esperienza particolarmente adatta per le famiglie con bambini a seguito. Ci si rilassa e si stacca la spina, seduti al sole ad osservare le bellezze del mare e dei luoghi che la nave attraversa. 

Per viaggiare in sicurezza, non dimenticate un documento d’identità e la patente (se salite con auto o moto) e le immancabili borse o valigie di viaggio. Ricordate di segnarvi con attenzione le procedure d’imbarco e di non arrivare all’ultimo minuto. Inoltre, se avete minori al seguito ma non siete i loro genitori, dovete munirvi di una dichiarazione di accompagnamento. 

Di solito, tutte le informazioni per il viaggio sono presenti sul biglietto. In caso contrario, ogni porto presente in territorio italiano ha una zona dedicata al pre-imbarco. 

Tempistiche e posti

Tante sono le compagnie di traghetti che portano i turisti in Sardegna. Ovviamente consigliamo di prenotare quella che costa meno e che possibilmente impiega meno a raggiungere le coste sarde. 

Le tempistiche sono variabili e dipendono dal luogo di destinazione. Un minimo di 5 fino ad un massimo di 10 ore. Il percorso più veloce è quello che va da Piombino in Toscana e arriva ad Olbia in circa 5 ore.

Per ciò che concerne i posti a bordo, varie sono le soluzioni. Il passaggio ponte non prevede un posto specifico e quindi vi converrà adattarvi alla sistemazione che troverete tra bar, sdraio, salottini etc. In alternativa potete prenotare una poltrona numerata ma decisamente più consigliata è la cabina. Uno spazio tutto vostro con maggiore privacy e comodità e con la presenza o meno del classico oblò.

Auto, moto, camper e animali

Se prendete un traghetto per la Sardegna, avrete la possibilità di imbarcare la vostra auto ma anche moto e camper.  Per farlo, dovrete inserire in fase di prenotazione tutti i dati relativi al vostro mezzo. Comprese le dimensioni e e la targa. Tenendo presente che un mezzo più grande occupa più spazio e vi costerà di più.

Con il vostro veicolo, presentatevi almeno due ore prima all’imbarco e seguite le direttive del personale qualificato che vi attenderà al porto.  Una volta saliti a bordo, non potrete più entrare sul vostro mezzo. Quindi premunitevi di tutte gli oggetti che vi servono in anticipo. 

Prima dell’arrivo in Sardegna, vi verranno indicati con debito anticipo le modalità per riprendere il veicolo.  In caso non vogliate imbarcare nessun mezzo, potete sempre noleggiarne uno una volta arrivati a destinazione.

Quasi tutti gli animali da compagnia possono essere trasportati sui traghetti. Va detto però che servirà un biglietto aggiuntivo. I cani devono indossare museruola e guinzaglio; i gatti devono trovarsi nel trasportino. Entrambi dovranno rimanere in aree dedicate solo a loro e solo in certi casi possono essere portati nei salottini interni.